Notturni Palladiani – Quei saltimbanchi di ottoni
13 Giugno 2019
21:00
Vicenza
Palazzo Barbarano
Palazzo Barbarano
Scarica il programma completo

QUEI SALTIMBANCHI DI OTTONI

Davide Sanson maestro preparatore

Damiano Servalli corno
Giovanni Lucero, Federico Perugini trombe
Gabriele Bastrentaz trombone
Valerio Del Bianco tuba

 

Anonimo (XVII sec.)
Sonata da “Die Bankelsangerlieder”

Tomaso Albinoni (1671 – 1751)
Sonata in Do maggiore “San Marco” (arr. David Hickman)

Ludwig Wilhelm Maurer (1789 – 1878)
Three Pieces

Claude Debussy (1862 – 1918)
Golliwogg’s cake-walk da Children’s Corner

Victor Ewald (1860 – 1935)
Quintetto per fiati n.1 op.5 in Si bemolle minore

Davide Sanson (1974)
Saltimbanchi

 

Le magnifiche sonorità di trombe e tromboni dal Seicento ad oggi: quattro colori, quattro timbri diversi si susseguono lungo tutto il percorso musicale di questo Notturno d’esordio. Gli ottoni della OTO sono impegnati in un programma che permette loro di dimostrare la versatilità di questi magnifici strumenti sia nei brani di repertorio che nelle trascrizioni. Il viaggio musicale termina con una composizione di Davide Sanson: cinque diverse identità ispirate ai personaggi di una compagnia itinerante tra richiami alla belle époque e allusioni a temi popolari.

 

INFO
Biglietto: 7 euro
Abbonamento a tutta la rassegna: 21 euro (sottoscrivibile fino al 13 giugno)

prenotazioni e prevendite presso:

OTO – ORCHESTRA DEL TEATRO OLIMPICO
Vicolo Cieco Retrone, 24 – Vicenza
tel. 0444 326598
segreteria@orchestraolimpico.it
www.orchestraolimpico.it
aperta dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12:30 e dalle 15 alle 17:30

PALLADIO MUSEUM
Contrà Porti, 11 – Vicenza
tel. 0444 323014
accoglienza@palladiomuseum.org
www.palladiomuseum.org
aperto dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18

La sera degli spettacoli la biglietteria del Palladio Museum è aperta dalle ore 20.
In caso di maltempo i concerti si terranno presso la Chiesa dei Servi (Piazza Biade – Vicenza) con biglietteria presso il Palladio Museum.
Si consiglia di prenotare. L’ingresso ai concerti è consentito fino ad esaurimento dei posti a sedere.